Salta al contenuto principale

Scopri i consigli di chi ha l'insufficienza renale cronica per vivere al meglio

Dover cambiare alimentazione da un giorno all’altro può non essere la cosa più semplice da fare, ma quando si è obbligati a causa di un problema di salute importante come l’IRC allora diventa necessario. Fortunatamente, grazie alla condivisione di racconti e riscontri di persone che stanno affrontando la stessa esperienza e a dei prodotti aproteici sempre più buoni, è possibile rendere gustoso anche questo nuovo regime alimentare.

Un sacco di persone lo stanno sperimentando e desiderano condividere qualche ricetta e consiglio.

Innanzitutto, è importante ribadire che la prima regola è affidarsi a un professionista capace di dare le giuste linee guida nutrizionali. Dopo aver fatto questo passo, è il momento di sperimentare in cucina.

Immaginare il cibo aproteico può inizialmente far pensare a una restrizione, con meno gusto, invece può trasformarsi in prelibato grazie ad un po’ di inventiva e i giusti consigli.

Lucia, ad esempio, ha sempre avuto un debole per i dolci ed è riuscita con il tempo e l’impegno a non rinunciare al suo piacere proibito. Ad esempio, grazie all’utilizzo del latte aproteico FLAVIS e pochissimi altri ingredienti, ha imparato a farsi il gelato in casa e lo consiglia a tutti gli affetti da IRC, soprattutto d’estate.

Chi invece è un grande sostenitore dei sapori più italiani e mediterranei come Marco rimarrà sicuramente soddisfatto dalla pasta e dai prodotti surgelati aproteici come pizza, lasagne e rosette.

Marco, che prima di iniziare la terapia dietetica nutrizionale non era un gran cuoco, ha scoperto il piacere di creare piatti in linea con la più famosa tradizione italiana, ma aproteici e bilanciati. Per questo non si fa mai mancare la pasta FLAVIS, nel formato che preferisce. Il piatto che gli riesce meglio e che consiglia assolutamente a tutti coloro che stanno seguendo una dieta aproteica sono gli spaghetti aglio, olio e peperoncino con pangrattato alle erbe. Quando invece è di fretta, Marco opta sempre per uno dei prodotti surgelati FLAVIS.

Un altro importante consiglio è quella che dà Marilena: pianificare, aderire e di tanto in tanto togliersi qualche sfizio.

Quando si è affetti da IRC e si vuole aderire correttamente alla terapia dietetica nutrizionale, la pianificazione diventa fondamentale, infatti, è importante avere sempre a disposizione i prodotti aproteici preferiti per non rimanere senza e doversi affidare ad alimenti inadatti alla propria condizione. La pianificazione diventa ancora più cruciale quando si viaggia, infatti è utile portarsi dietro i propri prodotti aproteici per utilizzarli quando necessario. Comunque, anche Marilena, estremamente ligia nel seguire una corretta dieta aproteica, sa che la vita non può essere soltanto dovere, e proprio perché la sua aderenza è così precisa, a volte si può permettere qualche sfizio, soprattutto nei momenti di festa.

 

Questi sono solo alcuni esempi e consigli dati da persone come te, persone qualunque che hanno dovuto affrontare una sfida inaspettata e che hanno imparato a trarne il meglio. Ricordati che non sei solo, l’unione fa la forza e tu fai parte di una grande famiglia.

Contattaci!
Il numero verde è attivo dal lunedì al giovedì dalle ore 8.00 alle ore 17.00 e il venerdì dalle ore 8.00 alle ore 16.00.
In alternativa puoi contattarci via email: info@flavis.com
Numero Verde
800 847 081