Home | Servizi | Blog | Parola alla nostra Nefrologa: quattro domande sull’aderenza alla terapia nutrizionale

Parola alla nostra Nefrologa: quattro domande sull’aderenza alla terapia nutrizionale

La dieta ipoproteica, nelle sue varie declinazioni (0.8-0.6-0.3alfa kappa g/Kg/die) è la terapia nutrizionale riconosciuta come ideale per pazienti affetti da insufficienza renale cronica, dagli stati intermedi a quelli avanzati.

È ormai dimostrato che la dieta ipoproteica riduce i segni e sintomi dell’uremia, ritarda l’avvio del trattamento sostitutivo e sembra aumentare l’aspettativa di vita del paziente.

Per questi motivi altrettanto importante è l’aderenza alla terapia, poiché l’aderenza è il miglior predittore di successo di questo trattamento. Un concetto nuovo ma sempre più adottato è la personalizzazione della terapia nutrizionale, e di conseguenza anche l’aderenza e la verifica della stessa vanno personalizzati caso per caso.

1. Perché aderire?

La dieta nel trattamento della malattia renale cronica è una terapia e per questo va trattata come si farebbe con una classica terapia farmacologica.

Come un farmaco la dieta ipoproteica ha:

  • Indicazioni precise per ridurre il sovraccarico di tossine uremiche e ritardare la progressione della malattia renale allo stadio terminale;
  • Posologia e adattamenti posologici: in base allo stadio della malattia si procederà dapprima a “normalizzare” l’apporto proteico a 0.8 g/kg/die, per ridurlo successivamente a 0.6.
  • Sovraddosaggio ed effetti indesiderati: come per un farmaco, un sovradosaggio, ovvero una riduzione eccessiva delle proteine e dell’introito calorico, ha effetti negativi quali malnutrizione calorico-proteica che aggrava ulteriormente il peso dell’uremia. Quindi il paziente non deve “eccedere” con la prescrizione, perché l’iperaderenza diventa in questo caso una non-aderenza.
  • Meccanismo di azione: la terapia nutrizionale aiuta nella riduzione della formazione di tossine uremiche del microbiota intestinale che nei pazienti uremici è disbiotico e concorre a causare un sovraccarico di tossine;
  • Controindicazioni: come stati ipercatabolici e affini. Il paziente è tenuto a comunicare al medico ogni variazione di stato, per adattare o se necessario sospendere temporaneamente la terapia, come avviene con taluni farmaci.
  • Avvertenze “speciali”: come sindrome nefrosica, diabete, gravidanza ecc.

3. Come aderire e verificare l'aderenza?

Il tema dell’aderenza alla terapia e della verifica della stessa nasce con la medicina stessa. Già Ippocrate consigliava di “guardare” se i pazienti assumevano le medicine e pozioni che venivano loro suggeriti.

Non essendo possibile per il medico attuare un sistema di controllo ferreo su cosa e quanto mangi il paziente, si sono andati evolvendo negli anni diverse modalità di misura dell’aderenza, ma soprattutto si va evolvendo il concetto dell’aderenza stessa. Termini utilizzati in medicina e che è bene che anche il paziente conosca sono:

Compliance: è una modalità per cui il medico prescrive e il paziente esegue. È la forma più impersonale di relazione, in cui il medico ha un ruolo di mero “prescrivente” e il paziente di mero “esecutore”, passivo e obbediente.

Adherence: Si introduce un concetto di “contatto” fra il prescrivente, che ha sempre un ruolo dominante, ma spiega e motiva la prescrizione (spiega al paziente perché e come attuare la terapia) e il paziente che rimane un esecutore, MA essendo stato reso edotto e motivato “accetta” di eseguire.

Concordance: È un concetto nuovo, in cui entrambi i ruoli del medico e del paziente vengono rinnovati. Il medico oltre a conoscere la materia, per offrire le migliori terapie per quella patologia, deve conoscere il paziente, per offrire la migliore terapia per quella patologia e per quel paziente. Da prescrivente dunque diventa “proponente”. Da parte sua il paziente deve farsi conoscere, deve cercare di capire, deve esprimere i dubbi circa una proposta, le difficoltà nel perseguire un consiglio, riconoscere errori o mancanze. Il paziente da esecutore passivo diventa consenziente e “accettante”, con un ruolo altrettanto attivo. La concordance presuppone dunque un’alleanza terapeutica fra medico e paziente, basata su reciproca conoscenza e fiducia.

La verifica della compliance e della adherence si avvale di metodi diretti o indiretti, soggettivi o oggettivi, ad esempio la riduzione dei parametri ematici o urinari (BUN TUN, fosforo, acidemia) o l’intervista del paziente (diari alimentari, anamnesi alimentari, questionari) che devono essere effettuati in modo preciso e congruo e che rimangono alla base del lavoro del medico.

La concordance invece, trattandosi di un approccio meno standardizzato, non è facilmente obiettivabile o decodificabile, ma si basa spesso su una sensazione di fiducia e di relazione interpersonale fra i due protagonisti della terapia nutrizionale. Tuttavia, ance se non obiettivamente misurabile, quando presente e ben attuata permette di raggiungere risultati oggettivi e talvolta qualitativamente superiori.

4. Per quanto aderire?

Sfortunatamente, per quanto si riesca a minimizzare l’impatto sulla salute generale, la condizione di malattia renale cronica è per definizione irreversibile. Per tale motivo la terapia nutrizionale deve diventare uno stile di vita a cui il paziente nefropatico dovrà aderire sempre. La terapia nutrizionale verrà modificata e sarà adattata ai cambiamenti di stato della malattia, ad esempio: dagli stadi iniziali agli avanzati si avrà una riduzione dell’introito proteico, ci sarà un rialzo in terapia dialitica, e in caso di trapianto si ritornerà ad un “ribasso” proporzionale alla funzionalità dell’innesto.

Quanto ne sai sulla malattia renale cronica?

Resta in contatto con noi!

Registrati per ricevere per primo informazioni sui nostri nuovi prodotti Flavis e promozioni disponibili!

"*" indica i campi obbligatori

Newsletter
Profilazione

Scarica il Catalogo prodotti

Con tutti i prodotti e le novità

Resta in contatto con noi!

Registrati per ricevere per primo informazioni sui nostri nuovi prodotti Flavis e promozioni disponibili!

"*" indica i campi obbligatori

Newsletter
Profilazione

"*" indica i campi obbligatori

Newsletter
Profilazione